Digitalizzazione delle aziende vitivinicole: i dati dell’Osservatorio Vino Digitale 2015

Un numero crescente di aziende dimostra proattività rispetto al digitale.

Finalmente buone notizie sul fronte della digitalizzazione delle aziende vitivinicole. Sarebbero sempre di più le cantine che fanno investimenti sul web, compresi social network e vendite online. Secondo una ricerca dell’Osservatorio Vino Digitale 2015, che ha coinvolto 3.450 aziende di settore, sarebbero infatti Facebook (78%), Twitter (34%) e Instagram (22%) ad oggi i canali più utilizzati.

Ormai quasi tutte le aziende del vino italiano hanno un proprio sito internet (il 95% sul totale) e l’80% risulta iscritto a Facebook. Grande attenzione riscuotono anche altri canali, come Twitter e Instagram.

Veniamo all’e-commerce: la maggior parte delle aziende che vende su internet si trova al nord. Molte aziende intervistate dichiarano di aver attivato un canale e-commerce o di essere in procinto di farlo. Il 32% di chi ha investito nell’e-commerce lo fa tramite il proprio sito, mentre il restante 68% si affida a siti specializzati nella vendita di vino online.

Dall’analisi emerge anche che un numero crescente di aziende dimostra proattività rispetto al digitale non scegliendo più le strade battute da tutti ma preferendo strategie ad hoc di lungo periodo sviluppate su canali social diversi in base a paesi e pubblici di riferimento.

(fonte: http://www.igrandivini.com/osservatorio-vino-digitale-2015/)

Questo elemento è stato inserito in News. Aggiungilo ai segnalibri.

Un pensiero su “Digitalizzazione delle aziende vitivinicole: i dati dell’Osservatorio Vino Digitale 2015

Commenti chiusi